Questo sito utilizza unicamente i cookies di analytics per le statistiche degli accessi.
Se desiderate disattivarli cliccate QUI

Capellini o l'allocchetto



I marchesi di San Marzano


Gli Asinari
Fu una delle famiglie più antiche, a prevalenza ghibellina. Già nel 1197 Ranzone Asinari è citato quale console di Asti. Raimondo Asinari fu Podestà di Chieri nel 1273, Folco lo fu a Mondovì (1284) e a Genova (1296).
Tolomeo Asinari, coinvolto nelle lotte civili, venne esiliato con la famiglia e si dedicò al commento del De consolatione philosophie manoscritto nel 1309 e miniato da Filippo di Altavilla (è conservato a Vienna).
Seppero creare una fitta rete di banchi e commerci in tutta Europa, dalle Fiandre alla Germania (Siegburg, Oberswesel, St. Goar), alla Svizzera, alla Borgogna, con interessi sulle raffinerie di sale di Salins. I prestiti all'arcivescovo di Colonia, portarono benefici sui mercati di Colonia, Bonn, Adernach.

Asinari marchesi di San Marzano
1937483_1753495204877269_8373923515197370732_n
I marchesi di San Marsano facevano parte delle famiglie nobili dette Casani (prestatori di danaro) di Asti, famiglie che si arricchirono grazie al commercio e al prestito di denaro, diventando padroni di feudi e castelli nel territorio astigiano.
Bonifacio nel 1280 lasciò le proprie ricchezze ai figli. Bonifacio e Tommaso divennero comproprietari del feudo di San Marzano. Nel 1771, Filippo Valentino (morto nel 1780) fu infeudato primo marchese di San Marzano e Caraglio. Il suo figlio (con Gabbriela del Pozzo) marchese Antonio Maria Filippo Asinari di San Marzano (1767) - 1828), fu consigliere di Stato ed inviato da Napoleone Bonaparte come ambasciatore a Berlino. Divenne nel 1808 conte dell'Impero e nel 1813 senatore e reggente del Piemonte.
Dal marchese e poi conte (1808) Filippo Antonio Maria e la sua moglie Polissena della Chiesa di Cinzano originarono numerosi figli tra cui: il marchese Carlo (1791 - 1841), aiutante di campo di Vittorio Emanuele I, uno dei capi dei moti del 1821 il conte Ermolao (1800 - 1864) diplomatico e ministro degli affari esteri e Guido, dalla cui linea nacque il tenente generale Alessandro Asinari (1830 - 1858) che combatté durante le guerre d'Indipendenza e nella campagna per la Campagna d'Africa orientale (1887-1888) , e il colonnello Carlo Alberto Asinari (1833 - ), che ebbe la medaglia al valore per la battaglia di Custoza e fu vicegovernatore del Duca d'Aosta.
Il titolo di conte passò da Ermolao (ottenne il titolo essendo nato nel 1800 ultimo figlio prima dell'ottenimento del titolo da parte del suo padre Filippo Antonio Maria) poi ai suoi figli Filippo (1835-), Britanio (1839-), e poi Giuseppe Sigray (1842-1898)
Attualmente (2012) il titolo è portato da Philippe Asinari di San Marzano che ha un'unica figlia, Virginie Jacqueline Asinari di San Marzano, con la famosa artista internazionale Enzina Fuschini di origine italiana.
16

cioccaro

Un ex libris applicato ad alcuni volumi trovati in questa casa. comment 
Forse questa cascina era originariamente di loro proprietà?