Capellini o l'allocchetto



Il computer per disegnare


La prima versione di Corelderaw, poi Illustrator 1.0 e, su su, le altre versioni di Illustrator e infine Freehand conosciuto nelle cose più segrete.
La tastiera, lo schermo, il mouse davano l'idea di potenza, l'illusione di poter abbandonare la matita o il tiralinee, ma la creatività nasce ancora dalla mano che scorre sul foglio guidando una matita. Sembra quasi che le idee partano dal cervello e attraverso il braccio e la matita arrivino sul foglio, mentre lo schermo si frappone quasi come una barriera tra il pensiero e la realizzazione. In parallelo il potente Phototshop con correzione dei colori, separazioni per la stampa, applicazioni per rotocalco e immagini oltre i 300 Mb, ma anche questo programma, se non è guidato da una mente che conosce i colori, le tonalità, le sfumature, fà più danni che buoni lavori.

Scan10044